Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Il nuovo numero della Critica Sociale riserva una particolare attenzione alle conseguenze strategiche e diplomatiche dell'incidente della Freedom Flottilla. L'episodio sembra infatti aver scavato un solco tra due vecchi alleati come Turchia e Israele e potrebbe avere serie ripercussioni sui futuri assetti mediorientali. Il mondo occidentale attende con preoccupazione gli sviluppi della vicenda, che potrebbe privarlo dell'apporto dello strategico asse turco-israeliano nella regione.
Nel frattempo, cresce l'attivismo economico e strategico della Germania. L'avvicinamento tedesco alla Russia rischia di minare la compattezza dell'Ue e della Nato. Inoltre, Berlino sembra ignorare che il futuro dell'economia globale sia sempre più nelle mani dei ceti medi dei paesi emergenti e dei loro consumi. Con la sua politica economica timida e austera, la Germania rischia invece di condannare l'Europa alla stagnazione e alla marginalità.


Vedi il sommario del Numero 5
 

Data:





sarkozy   politiche sociali   putin   hamas   siria   bush   ambiente   democrazia   sicurezza   usa   labour   israele   francia   europa   gran bretagna   energia   blair   critica sociale   brown   occidente   clinton   iraq   afghanistan   obama   mccain   crisi   economia   terrorismo   stati uniti   storia   america   nato   medvedev   india   rubriche   cultura politica   nucleare   cina   onu   diritti umani   iran   russia   italia   ue   ahmadinejad   geopolitica   medio oriente   berlusconi