Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Editoriale
 
 


TREMONTI: "SEPARARE IL RISPARMIO DALLA SPECULAZIONE"

Presentato al Senato un disegno di legge per la "Glass-Steagall"

Data: 2013-06-10

5 giugno 2013 (MoviSol) - Giulio Tremonti continua la sua campagna per Glass-Steagall, lanciata più di un anno fa con l’uscita del suo ultimo libro e portata avanti con una serie di interventi pubblici e durante la recente campagna elettorale.

L’ex Ministro, ora al Senato ed iscritto nel neonato Gruppo Grandi Autonomie e Libertà, ha presentato lo stesso disegno di legge (ddl) che aveva presentato alla Camera dei Deputati l’anno scorso, in cui chiede una netta separazione tra le banche ordinarie e quelle speculative, per garantire che “il credito serve allo sviluppo e non alla speculazione”. Il ddl dell’anno scorso riprese alcune parti della proposta del Sen. Oskar Peterlini (preparata insieme a Movisol), che fu utilizzata in buona parte anche dalla Lega Nord, che presentò dei ddl a Camera e Senato e incluse la proposta nella sua attività politica popolare.

L’iniziativa di Tremonti avviene nel contesto di una crescente mobilitazione internazionale intorno al tema fondamentale di Glass-Steagall: negli Stati Uniti è stato presentato il mese scorso un ddl al Senato da Tom Harkin, che si affianca a quello di Marcy Kaptur alla Camera; il secondo è stato già firmato da oltre 60 deputati. In Italia l’attenzione al problema è tornata a salire dopo il crac del Monte dei Paschi di Siena, ma a quanto pare per molti si trattava solo di dichiarazioni opportunistiche, da mettere da parte dopo le elezioni nella speranza di trovare una poltrona migliore sul Titanic.

Ora con la rinnovata minaccia della bolla speculativa sui mercati internazionali e i tentativi dell’oligarchia finanziaria di imporre misure ancora più folli, quali il bail-in, occorre raddoppiare gli sforzi per cambiare il sistema. Il ddl presentato da Tremonti potrà fare da riferimento al Senato, ma il cambiamento sarà possibile solo attraverso una mobilitazione popolare.

Anche il Comitato di Liberazione Nazionale (CLN), che raccoglie vari movimenti e liste civiche tra cui MoviSol, sta raccogliendo 50.000 firme per una LIP (legge di iniziativa popolare) sulla separazione bancaria.

 

Vai al testo della Proposta di Legge







crisi   nucleare   bush   democrazia   sicurezza   afghanistan   brown   cultura politica   nato   medio oriente   blair   labour   rubriche   terrorismo   israele   cina   iraq   occidente   geopolitica   iran   usa   politiche sociali   stati uniti   francia   onu   ambiente   energia   ue   siria   gran bretagna   america   mccain   obama   medvedev   putin   india   europa   critica sociale   diritti umani   italia   berlusconi   hamas   clinton   economia   russia   storia   ahmadinejad   sarkozy