Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


SELEZIONE DELLA STAMPA ESTERA- 16 maggio

di Critica Sociale



(pagina 2)

... i Obama, chiaramente, è di associare il più possibile la candidatura McCain all'impopolare amministrazione in carica. Trascinare Bush nella campagna elettorale sarebbe quanto di più desiderabile.

LE MONDE

Les Israéliens, partagés entre l'anxiété et le fatalisme, ne croient plus à la paix

Les Israéliens, partagés entre l'anxiété et le fatalisme, ne croient plus à la paix


Lo Stato di Israele è stato creato per garantire la sicurezza del popolo ebraico. E tuttavia la paura continua ad essere un sentimento dominante tra la popolazione. Dal 1948, sono 1.636  i civili uccisi in attentati terroristici e 22.437 i soldati che hanno perso la vita nei conflitti che si sono succeduti nel tempo.
Dopo l'ultimo attentato contro la città di Ashkelon, colpita da razzi lanciati dalla striscia di Gaza, alcuni ministri israeliani invocano un'operazione militare contro Hamas.

Des ministres israéliens réclament une "opération militaire d'envergure" contre le Hamas

Intanto, nel suo discorso alla Knesset, il Presidente americano, George W. Bush, ha invocato la lezione del nazismo per assicurare agli israeliani che il sostegno degli Stati Uniti non verrà mai meno e che, con gli americani, Israele può contare su « 307 milioni » di nemici di Hamas, Hezbollah e dell'Iran. Quanto a quest'ultimo, Bush ha dichiarato : « permettergli di dotarsi dell'arma nucleare, significherebbe tradire in maniera imperdonabile le generazioni future. »

LE JOURNAL DU DIMANCHE
Israël: Bush joue les prophètes

Nel secondo giorno della sua visita di stato in Israele, George Bush si è pronunciato davanti alla Knesset. Dopo aver riaffermato l'attaccamento del suo paese allo Stato ebraico, il presidente americano ha espresso una visione idilliaca degli ultimi sessant'anni di storia in Medio Oriente, sessantanni che i Palestinesi chiamano  "Nakba", catastrofe.

DIRITTI UMANI

LE MONDE
Protection humanitaire

Non si deve abbassare la pressione sulla junta birmana. Il capo della diplomazia francese, Bernard Kouchner, ha avuto il merito di lanciare il dibattito sull'estensione alle catastrofi naturali del principio della « responsabilità di protezione » quando uno stato rifiuta di soccorrere la popolazione. Adottato dall'Onu nel 2005, questo principio si riferisce ai genocidi ed ai crimini contro l'umanità. Kouchner chiama in causa i difensori della sovranità assoluta, a cominciare da Pechino e Mosca.

FINANCIAL TIMES
Burma's victims pay price for foreign policy realism

La junta birmana ha negato, per principio, il diritto, se non il dovere, della comunità internazionale di intervenire. Ma le circostanze geopolitiche ci ricordano che quello che si dovrebbe fare va valutato rispetto a quello che si può oggettivamente fare. Non c'è alternativa. La mediazione tra morale e pragmatismo è causa di contraddizioni e talvolta ipocrisie. Ma meglio queste che la brutta certezza del realismo.

GEOECONOMIA

INTERNATIONAL HERALD TRIBUNE
German economy leads euro area to surprisingly robust quarter
Carter Dougherty


L'economia tedesca è in salute.
Superando le aspettative più ottimistiche, la Germania è infatti cresciuta dell'1.5 per cento nel primo trimestre del 2008, realizzando la miglior performance dell'ultimo decennio, nonostante i venti di recessione che spirano dagli Stati Uniti. Il successo tedesco, in una fase di incertezza globale, certifica la capacità di contenere i costi del lavoro, di supportare il settore manifatturiero per l'esportazione e di mantenere l'occupazione su buoni livelli. Con positive ricadute sulla domanda interna. I dati dimostrano la generale tenuta del Vecchio Continente, che sta fronteggiando le conseguenze della crisi Usa con inaspettata solidità. L'aggregato tuttavia nasconde il serio rallentamento di Spagna e Irlanda e la patologia italiana, secondo molti esperti sull'orlo della...



<< pagina precedente        pagina successiva >>