Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


SELEZIONE DELLA STAMPA ESTERA- 26 maggio

di Critica Sociale



(pagina 2)

... Gli accordi di Doha sono molto più che una vittoria di Hezbollah sulla coalizione pro-occidentale. Sono il primo esempio concreto dei limiti della potenza americana in Medio Oriente e della contemporanea emersione di una nuova compagnia di attori politici intenzionata ad assumere la responsabilità della regione. Turchia, Israele, Iran Hezbollah, Siria, Hamas, Arabia Saudita hanno chiaramente assunto la linea del negoziato contro la dottrina dello scontro assolutista imposta dagli americani.L'aspetto più significativo è che anche Israele ha palesemente deciso di ignorare i “consigli” dell'amministrazione americana, trattando con la Siria ed Hezbollah. Ed il risultato non è la sconfitta del bene sul male ma la prima, vera prospettiva di pace che si profila nella regione.

Beirut restaurants face new challenges as sit-in ends

La fine del sit-in installato nel centro di Beirut 18 mesi fa dall'opposizione, in segno di protesta contro la maggioranza del governo Siniora, offre nuove opportunità di sviluppo alle imprese locali, in particolare nel settore della ristorazione e del turismo.

Jerusalem Post
Sarkozy to FM: No contact with Hamas

Sarkozy to FM: No contact with Hamas

Nicolas Sarkozy ha assicurato al Ministro degli Esteri israeliano, Tzipi Livni, che la Francia non tratterà con Hamas. Smentendo quanto sostenuto la scorsa settimana dal responsabile della diplomazia francese, Bernard Kouchner, che aveva confermato i contatti ufficiosi con il gruppo palestinese, il Presidente della Repubblica ha emesso una dichiarazione ufficiale dopo aver incontrato a Parigi la ministra israeliana, in occasione della festa pro-Israele organizzata domenica nella capitale francese. Sarkozy si recherà il prossimo giugno in visita ufficiale a Gerusalemme dove è previsto un suo intervento alla Knesset.

Editoriale
Le Figaro
Pour que vive le Liban
Luc de Barochez

L'accordo di Doha non risolve le questioni cruciali alla base della crisi libanese. Hezbollah conserva le armi, nonostante l'interdizione imposta da una risoluzione del Consiglio di Sicurezza dell'Onu, mantenendosi uno Stato nello Stato.L'arco sciita ne esce rafforzato, ancor più dal momento che nè Stati Uniti né Francia - i paesi occidentali che tradizionalmente hanno esercitato influenza sul paese – hanno avuto alcun ruolo nei negoziati. Le comunità sunnita, cristiana e drusa di Beirut sono indebolite. Se si vuole che il Libano viva, è necessario sostenere l'accordo, facendo in modo che le elezioni del 2009 si svolgano serenamente e con il supporto dei caschi blu la cui missione sul campo è oggi più importante che mai.

Editoriale
Le Journal du Dimanche
Méditerranée, ton Union déjà plombée
Gilles Delafon

A poche settimane dalla sua inaugurazione ufficiale, prevista il 13 luglio prossimo, a Parigi, l'Unione per il Mediterraneo mostra già l'impossibilità a renderla un progetto all'altezza delle ambizioni francesi.  L'Eliseo oggi fatica addirittura a stilare la lista dei paesi che vi parteciperanno. Algeria, Libia e Siria la snobbano mentre Bruxelles ne riprende il controllo confinando l'iniziativa al ben meno ambizioso ed efficace Processo di Barcellona. Senza un vero budget e vincolata alle contorsioni diplomatiche che hanno portato ad una situazione paradossale -  la Lettonia farà parte dell'EuroMed come la Francia siederà nell'Uni...


<< pagina precedente        pagina successiva >>