Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


SELEZIONE DELLA STAMPA ESTERA- 11 giugno

di Critica Sociale



(pagina 2)

... stranieri hanno dimostrato quale sia la ricetta per un sicuro fallimento.

Europa
The New York Times
In Germany, Bush Protests Lose Appeal
Nicholas Kulish

Nel momento di compiere il suo ultimo viaggio in Europa, ed in particolare in quella che rimane la sua locomotiva economica, la Germania, George W. Bush si trova di fronte ad una circostanza sorprendente. I giovani anarchici, gli attempati pacifisti ed i politici di sinistra non hanno organizzato la consueta, affollata, manifestazione per contestare la sua politica. Forse perché nell'ultima fase del suo mandato Bush ha ristretto gli spazi di manovra dei falchi nella sua amministrazione, forse perché è mutato il clima delle relazioni Washington-Berlino, più probabilmente perché si assiste ad un ripiego dell'opinione pubblica tedesca sulle preoccupazioni di politica interna. Qualcuno sottolinea l'irrilevanza di attaccare un presidente a fine mandato. L'unico dato certo è che i mesi del contrasto tra America e “Vecchia Europa” sul protocollo di Kyoto e sulla guerra in Iraq sembrano improvvisamente lontani.

Le Monde
Tourner la page Bush

I due candidati alla successione di Bush hanno un punto in comune: voltare pagina con il “bushismo”, che ha rappresentato il periodo più buio delle relazioni tra Usa ed Europa. C'è da sperare che il prossimo 4 novembre rappresenti la svolta tanto attesa da tutti e due i lati dell'Oceano. La Conferenza di Parigi intende porvi rimedio. Ma i suoi obbiettivi concreti sono ben più modesti di quella strategia globale che la Francia intenderebbe adottare.

Le Figaro
Le paradoxe transatlantique
Pierre Rousselin


George W.Bush è stato capace di alimentare come nessun altro prima di lui un sentimento di ostilità per gli Usa; tuttavia, l'Europa ritrovata in questo suo viaggio di addio dal Presidente si dimostra vicina agli Usa come non mai.

Financial Times
Merkel emerges as Germany's anchor

Nonostante le difficoltà politiche interne alla sua grande coalizione, Merkel si è imposta come la più autorevole, rassicurante ed affidabile leader europea. Resta da verificare se questo, insieme alla tenuta dell'economia tedesca, siano sufficienti ad assicurarle un secondo mandato.

World Policy Review
France's Strategic Posture: NATO Reingtegration and European Defense
Judah Grunstein

Sin dall'epoca del generale De Gaulle, l'atteggiamento della Francia verso gli Stati Uniti è riassumibile nella formula “Amici, alleati, non-allineati”. Questa formula indica con precisione la natura dell'eccezione francese, un insieme di orgoglio identitario e diffidenza, di autonomia e cooperazione, che hanno sempre caratterizzato non solo la politica ma lo spirito profonda della nazione. Si spiega così il grande dibattito suscitato nel paese dalla volontà del Presidente Sarkozy di riportare la Francia dentro la struttura militare della Nato.

The Daily Star
Syria's culture minister solidifies rapprochement with visit to France

Questo incontro apre una “nuova pagina” nelle relazioni franco-siriane, ha dichiarato da Parigi il Ministro degli Esteri, Bernard Kouchner.

Le
Journal du Dimanche
Kadhafi dénonce l'UPM

L'Unione per il Mediterraneo, il progetto caro al Presidente Sarkozy che si pone l'obbiettivo di integrare i paesi nordafric...


<< pagina precedente        pagina successiva >>