Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
 
 


CONDOLEEZZA RICE ATTACCA MOSCA
"La Russia si sta condannando all'isolamento ed all'irrilevanza"




(pagina 2)

... amento ha fondamentalmente aperto la questione di quale visione del futuro della Russia guidi davvero il paese. C'Ŕ stato un momento in tempi recenti in cui il nuovo Presidente russo aveva espresso una visione positiva e lungimirante sul futuro della propria nazione [...]


Questo Ŕ particolarmente vero nel mondo di oggi, che Ŕ sempre meno organizzato intorno a poli ľ in maniera multipolare, unipolare o bipolare. Nel mondo di oggi, diventa imperativo per le nazioni costruire una rete di legami forti con molti stati influenti. Tutto ci˛ Ŕ molto diverso da quanto sia avvenuto nella gran parte del secolo scorso, quando la politica estera degli Stati Uniti era ostaggio delle nostre relazioni con la Russia. Guardavamo tutto attraverso quell'ottica, comprese le nostre relazioni con gli altri paesi. Eravamo intrappolati in un conflitto ideologico a somma zero con l'Unione Sovietica. Ogni stato doveva scegliere da che parte stare, e questo riduceva in modo significativo le nostre opzioni. [...]


Le anacronistiche manifestazioni di forza militare da parte della Russia non cambieranno il corso della storia. La Russia Ŕ libera di decidere che tipo di relazioni vuole avere con gli stati sovrani. Ed essi sono liberi di decidere che tipo di relazioni vogliono avere con la Russia e con il continente americano. Ma siamo fiduciosi che i nostri legami con i nostri vicini ľ che desiderano un sistema educativo migliore, un sistema sanitario migliore, impieghi migliori, case migliori ľ non saranno resi meno forti da pochi, vecchi bombardieri Blackjack, in visita ad una delle poche dittature dell'America Latina, che sono esse stesse isolate in un'emisfero che Ŕ sempre pi¨ pacifico, prospero, e democratico. [...]


Indipendentemente dalle differenze tra i nostri governi, non permetteremo che esse siano di ostacolo ad un rafforzamento delle relazioni tra le nostre societÓ. Continueremo ad invitare studenti, insegnanti, magistrati, giornalisti , leader sindacali e riformatori democratici russi che vogliono conoscere l'America. Continueremo ad appoggiare la lotta della Russia contro l'AIDS e la tubercolosi. E continueremo a sostenere tutti i russi che vogliono un futuro di libertÓ per la loro grande nazione. [...]



<< pagina precedente