Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Europe's World
Is Gazprom's strategy political?
Alexander Medvedev

L'opinione più diffusa in Europa è che Gazprom sia un'arma politica del Cremlino. Ma questo è falso – scrive Alexander Medvedev, top executive della società energetica russa. Gazprom opera nel mercato e secondo logiche di mercato. La Russia ha sempre garantito le forniture energetiche all'Europa, anche durante la guerra fredda. Le preoccupazione della Ue riguardo la politica energetica russa sono dunque infondate. Gazprom non è la sola azienda pubblica che opera regolarmente sul mercato. Basti pensare a cosa avviene in paesi dell'Europa occidentale come la Francia.
 
Les Echos
Russie-Europe : la nécessaire politique énergétique commune
Claude Gatignol

Alla fine di giugno si terrà in Siberia un vertice Ue-Russia. L'obbiettivo? Rinegoziare l'accordo di partnership e cooperazione siglato nel 1997 e scaduto al termine della durata decennale originariamente prevista. La Russia è il principale fornitore di energia per la Ue. L'unione ha interesse a evitare che il dialogo con Mosca venga paralizzato dagli spettri della guerra fredda.

 
The Times
It's tricky doing business when Russia won't play by rules
Bronwen Maddox


Come si può dar credito al Ministro delle Finanze russo, Aleksei Kudrin, secondo il quale la contesa tra BP ed il partner russo non deve compromettere gli affari tra I due paesi? Quale investitore oggi può permettersi di ignorare il fatto che fare affari con un'impresa russa significa è possibile solo se non si urtano gli interessi del potere politico?
 

Data:





iraq   clinton   india   putin   italia   bush   hamas   brown   labour   rubriche   storia   energia   cina   medio oriente   medvedev   terrorismo   usa   geopolitica   crisi   ambiente   francia   mccain   stati uniti   israele   sicurezza   democrazia   iran   occidente   ahmadinejad   afghanistan   europa   nato   sarkozy   onu   nucleare   cultura politica   gran bretagna   politiche sociali   critica sociale   siria   blair   berlusconi   diritti umani   ue   obama   america   economia   russia