Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



Forbes
Investing, Post-Bush
David Malpass

Nonostante le apparenze contrarie, l'economia Usa ha ancora qualche possibilità di sopravvivere alla più sciagurata eredità lasciati dall'amministrazione Bush: il dollaro debole. Senza dubbio le priorità economico-finanziarie del biennio 2009-2010 rimarranno le medesime degli ultimi mesi. I policy-makers dovranno fare i conti con l'aumento dell'inflazione, le persistenti difficoltà del disastrato mercato immobiliare, le difficoltà correlate del sistema bancario e la prevista crescita dei tassi d'interesse. Questi fattori non giocheranno peraltro un ruolo centrale nel determinare i destini dell'economia americana. L'America dovrà guardare, ed affidarsi, alla tumultuosa crescita del mondo in via di sviluppo. Al nuovo inquilino della Casa Bianca ed ai suoi collaboratori toccherà prendere centinaia di decisioni su come relazionarsi ai cambianti in atto. E dovranno essere scelte accurate e lungimiranti. A tal proposito, la retorica elettorale del salvataggio di milioni di posti di lavoro nell'obsolescente Old Economy dovrà cessare con le elezioni di novembre. Ogni tentazione protezionistica è condannata alla sconfitta. L'apertura verso il mondo e le promettenti opportunità di investimento in nuove regioni dovranno essere necessariamente le opzioni privilegiate per Washington. Chiudersi in roccaforti e cedere alla paura della competizione globale non salverà Wall Street e l'America.

 
 

Data:





medio oriente   putin   ahmadinejad   nucleare   cultura politica   europa   francia   bush   russia   economia   afghanistan   stati uniti   hamas   ambiente   israele   usa   obama   cina   clinton   democrazia   iraq   geopolitica   energia   crisi   gran bretagna   occidente   critica sociale   brown   iran   diritti umani   nato   mccain   onu   berlusconi   siria   america   storia   terrorismo   sarkozy   blair   politiche sociali   labour   medvedev   india   rubriche   sicurezza   ue   italia