Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rassegna Stampa
 
 



KHODORKOVSKY, JAILED RUSSIAN TYCOON, FILES FOR PAROLE
International Herald Tribune
Michael Schwirtz

Gli avvocati dell'ex tycoon di Yukos Oil, Mikhail Khodorkovsky da cinque anni in carcere per “frode fiscale”, hanno presentato istanza di rilascio sulla parola, nella speranza di cogliere l'occasione offerta dalla nuova politica del Cremlino per l'indipendenza del sistema giudiziario russo.
L'istanza è stata presentata al tribunale distrettuale di Ingoia, la città siberiana nella quale Khodorkovsky ha scontato gli ultimi tre anni di pena. Il cambio della guardia al Cremlino ha cambiato l'atmosfera della legalità, sostengono i legali di quello che è divenuto il simbolo dell'autoritarismo putiniano. 
 
KHODORKOVSKY CHALLENGES MEDVEDEV
The Moscow Times

L'istanza di scarcerazione avanzata dall'ex magnate della Yukos,
Mikhail Khodorkovsky, suona come una sfida al Presidente Dmitry Medvedev perché dia seguito alla promessa di edificare un sistema giudiziario indipendente. Secondo i legali di Khodorkovsky, la causa potrebbe essere un primo banco di prova della credibilità delle dichiarazioni di Medvedev sul rafforzamento dello stato di diritto e la lotta alla corruzione. È il nuovo presidente che, parlando di “nichilismo legale”, aveva lasciato intendere la sua volontà di segnare un cambio di strategia rispetto al suo predecessore. È arrivato il momento di dimostrare che non si trattava di parole vuote. “Quelle parole devono cominciare ad essere applicate ai casi concreti”, ha dichiarato uno dei legali di Khodorkovsky, Yury Shmidt. “Se Medvedev riuscirà ad ottenere l'indipendenza della magistratura, non si tratterà solo di una riforma, ma di una rivoluzione.”
 
PRESIDENT DMITRY MEDVEDEV DEMANDS TRULY INDEPENDENT JUSTICE IN RUSSIA
Itar Tass

Il Presidente Dmitry Medvedev chiede nuovi provvedimenti per garantire l'indipendenza del sistema giudiziario russo. Intervenuto ad una conferenza sullo sviluppo della giustizia, Medvedev ha denunciato le pressioni e la corruzione che dilagano nella magistratura russa. “Faremo il possibile – ha annunciato il Presidente – per affermare l'indipendenza dei giudici.”
 

Data:





energia   stati uniti   medio oriente   gran bretagna   america   putin   ahmadinejad   clinton   francia   rubriche   nato   europa   storia   cina   geopolitica   usa   iran   blair   medvedev   labour   economia   democrazia   crisi   hamas   occidente   india   diritti umani   israele   ue   obama   nucleare   berlusconi   sarkozy   cultura politica   sicurezza   critica sociale   afghanistan   italia   iraq   politiche sociali   onu   siria   mccain   russia   bush   terrorismo   ambiente   brown