Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


DOPO IL FALLIMENTO DI DOHA

GIUSEPPE SCANNI-L’Italia ha un ruolo molto importante da esercitare in Europa e nel G8, perché il Governo non ha nascosto, ma ha affrontato la questione dello sviluppo in modo innovativo

 

E' difficile mettere d'accordo i152 stati che fanno parte dell'organizzazione: l'ultimo negoziato iniziato a Punta dell'Este in Uruguay nel 1986 si concluse nel 1994. L'Uruguay round fucertamente il più ambizioso dei due round precedenti (il Kennedy, 1964-67; ilTokyo, 1973-80 ) sia per i settori interessati, anche agricoltura e serviziprecedentemente esclusi, sia per l'entità delle riduzioni tariffarie.

Molti governi dei Paesisviluppati hanno iniziato non più a temere ma a desiderare il fallimento deinegoziati perché pensano che lo sviluppo dei paesi asiatici e di quelliemergenti sarebbe esclusivamente a carico dell'Occidente.

Così come l'esasperazione deiprincipi che hanno informato le politiche economiche e di bilancio degli ultimiventi anni (liberalizzazioni a tutto vapore, privatizzazioni selvagge, esasperazionedella cultura dei pareggi di bilancio, scarsa cura delle ricadute sociali) nonha portato un gran bene alle nostre società, l'altra proposta nascosta deiPaesi occidentali (richiudere le frontiere ai paesi in via di sviluppo ed aquelli emergenti) non è più praticabile senza gravi sconvolgimenti. Cina edIndia non permetteranno che siano chiuse le porte che gli permettono direcuperare l'occasione persa nel primo Ottocento di partecipare allaRivoluzione Industriale.

 

 



Data: 2008-06-06







diritti umani   nucleare   nato   terrorismo   energia   medio oriente   putin   russia   iraq   storia   cultura politica   cina   brown   gran bretagna   economia   america   italia   clinton   iran   bush   blair   mccain   siria   obama   stati uniti   hamas   ambiente   europa   crisi   rubriche   berlusconi   politiche sociali   sicurezza   critica sociale   israele   occidente   labour   afghanistan   onu   francia   democrazia   ahmadinejad   geopolitica   ue   india   medvedev   usa   sarkozy