Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Spunti di Vista
 
 


UPM, UN'OCCASIONE PER L'ITALIA DA NON SPRECARE

STEFANIA CRAXI - Siamo al centro di un'area strategica come produttrice di greggio e gas naturale, sede di impianti per l'energia solare ed eolica

Il rinnovato interesse per i rapporti mediorientali

-          Il dinamismo dei paesi del medio Oriente  che, associando nella GAFTA, la grande area araba di libero scambio, sette paesi del nord Africa, hanno dato vita ad un unico blocco economico arabo. Il fatto è importante perché i paesi del Golfo con il loro surplus di capitali derivanti dal petrolio, sono i naturali finanziatori della crescita del mondo arabo. Sta all'Europa fare quello che finora non ha fatto: creare per l'intera area progetti di sviluppo credibili e fattibili, in linea con le regole di mercato, consentendo che i capitali del Golfo finiscano effettivamente nel Mediterraneo e non emigrino più in America o Giappone.

-          Il proseguimento delle politiche di modernizzazione dell'area che con il dovuto appoggio dell'Unione europea potranno assicurare maggiore stabilità sociale e a sua volta progressi nel rafforzamento delle istituzioni democratiche

-         



Data: 2008-07-12







russia   america   afghanistan   economia   geopolitica   medvedev   mccain   berlusconi   onu   sarkozy   sicurezza   storia   labour   stati uniti   israele   crisi   iraq   siria   politiche sociali   cina   putin   terrorismo   blair   diritti umani   brown   iran   nucleare   clinton   democrazia   obama   energia   rubriche   nato   hamas   medio oriente   ahmadinejad   ue   bush   cultura politica   ambiente   usa   occidente   italia   gran bretagna   europa   india   francia   critica sociale