Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

DI MANI PULITE?

di Francesco Damato

Scandalo a corte, quella del cultori di "Mani pulite", impegnati da quattro anni a rappresentare la storia della cosiddetta Prima Repubblica come una troppo lunga e criminale vicenda, forse peggiore del ventennio fascista se quest'ultimo non fosse finito nella tragedia di una guerra per giunta perduta. Scandalo a corte, quella dei cronisti pi¨ o meno giudiziali, degli opinionisti e addirittura degli storici che da quattro anni, dal giorno dell'arresto di Mario Chiesa, hanno rappresentato protagonisti e attori di decenni della politica italiana come esponenti di una criminalitÓ comune, anzi organizzata. Scandalo a corte, quella dei giustizialisti che da quattro anni, ma anche pi¨, a dire il vero, hanno affollato e tuttora affollano partiti, vecchi e nuovi, giornali e televisioni, scambiando i pubblici ministeri per giudici, gli avvisi di garanzia per rinvii a giudizio, i rinvii a giudizio per condanne, le condanne di primo grado per condanne definitive, le condanne definitive per eventi storici e liberatori, immuni da critiche o dubbi. Che cosa Ŕ mai accaduto a una simile corte? E' accaduto che, sia pure in ritardo di qualche anno, comunque meglio tardi che mai, il procuratore agg...