Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

LA FARSA DEI NASI TURATI

di Stefano Carluccio

La discesa in campo di Lamberto Dini con l'Ulivo. La trattativa per la riforma della Repubblica. La crisi e le elezioni anticipate. Il fallimento della "rivoluzione italiana" e la prospettiva della riorganizzazione del movimento socialista. Ugo Intini, tra i più attivi promotori della ricostruzione del Psi affronta i temi dell'attualità politica. Il governo Dini si è fatto partito e si è alleato con la sinistra. E una parte della diaspora socialista lo sostiene. "Gli italiani sono stati ingannati in tanti modi e due di questi sono chiariti dalla discesa in campo di Dini. Si è chiarito che i tecnici sono una finzione e un'invenzione. Non esistono personaggi neutrali ma solo uomini di potere che alla fine gettano sempre la maschera. E' il caso di Dini e del suo governo che è diventato gruppo fondatore di un partito. "Si è poi chiarito agli italiani che il referendum di Segni e la rivoluzione non hanno portato al bipolarismo promesso. Ancora non esiste, e il paradosso è proprio che Segni oggi sia l'animatore di una formazione di centro che non sta né a destra né a sinistra. La partitocrazia vedeva all'opera partiti degradati che agivano sulla base di regole di dubbia efficacia, ma...