Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

UNA VITA DA OSCAR

di Giorgio Caldonazzo e Paolo Fiorelli

Non ci fosse stata Tangentopoli, Bettino Craxi avrebbe governato l'Italia dei primi anni Novanta e Oscar Luigi Scalfaro avrebbe fatto il tranquillo pensionato al Quirinale. Appena salito sullo scranno pi¨ alto della Repubblica, infatti, avrebbe nominato il leader socialista Presidente del Consiglio. Bettino avrebbe ringraziato e Oscar proseguito nel suo itinerario di gran saggio, piuttosto triste, brontolone, ma fondamentalmente innocuo portabandiera democristiano. Invece, Ŕ scoppiato il pandemonio di Tangentopoli a scombinare i piani della Prima Repubblica. La Dc Ŕ crollata, il Psi scomparso, i vecchi equilibri politici saltati. E il Quirinale Ŕ diventato una navicella senza bussola, in mare aperto e burrascoso. Faticosissima da governare. Complicata da dirigere, non si sa bene dove. Rassegnato alla faticaccia, Oscar si Ŕ messo al lavoro, alternando una pazienza certosina e robuste virate. Fedele al motto di tutta una vita: primo, non prenderle. Secondo, fare anche bella figura. Cosý ha cercato di soddisfare un po' tutti: i vecchi potenti barcollanti, ma non ancora del tutto sbalestrati e la folla vociante e bisognosa di epurazioni e cambiamenti. La prima testa a saltare, allora, ...