Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

IL MIRACOLATO

di Mauro Mellini

Con quelle accuse l'ex pm avrebbe arrestato sé stesso. Einvece si è già risparmiato un processo. La vicenda di Di Pietro ricostruita da un ex consigliere del Csm. Un complotto della classe dirigente spodestata, una congiura del vecchio regime. Così Di Pietro cerca di esorcizzare le accuse che gli vengono mosse a Brescia e così il suo ex collega D'Ambrosio, che pure in momenti opportuni ha avuto parole poco generose nei confronti di Di Pietro, e Giorgio Bocca che di parole poco generose anche, e soprattutto, nei momenti più inopportuni è maestro, e tanti altri più o meno accorti e sprovveduti gli fanno coro. Complotto, ricatto, sono parole usate con notevole disinvoltura ed approssimazione di fronte al comportamento di chi, in possesso di notizie relative a comportamenti e situazioni di Antonio Di Pietro, si è adoperato perché altri o lui stesso ne traessero o ne traesse le conseguenze e si togliesse di mezzo. Conseguenze che in effetti Di Pietro ha poi tratto. Ma se la vicenda giudiziaria che oggi vede coinvolto l'ex magistrato di "Mani Pulite" esige prudenza e compostezza di giudici e di valutazioni, quali quelle che non sono mai state riservate agli indagati in quella "campagn...