Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

TUTTI FANNO FINTA DI NON SAPERE

di Lucio Colletti

Del caso Di Pietro a me sembra si dovrebbe parlare controvoglia e con qualche intimo disagio. Giacché, a rifletterci bene, ne usciamo male un po' tutti: la pubblica opinione, cioè in ultima analisi noi italiani; i partiti, che già non godono buona salute e, infine, le traballanti Istituzioni. La pubblica opinione ne esce male, perché e indice di immaturità e di un qualche infantilismo che, presso di essa in strati abbastanza larghi e consistenti, possa essersi creato il mito dell' "Angelo sterminatore", dell'Eroe puro e duro e, insomma, del Salvatore della Patria. Un'opinione pubblica, in cui le radici dello spinto liberale fossero un po' più estese e solide, dovrebb'essere vaccinata contro simili contagi o incantamenti. Vogliamo supporre che Di Pietro abbia operato bene come sostituto procuratore nel pool di Mani Pulite? Ammettiamolo pure almeno in via di ipotesi. Il Paese gliene rende merito e riconoscimento. Dopodiché, punto e basta. E' ridicolo o, più seriamente, e indice di una società frastornata e allo sbando che da un ex pubblico ministero, chiunque egli sia, ci si aspetti che riponi l'ordine o, addirittura, rigeneri la società. Io che non sono credente ricordo, dei V...