Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

LE AULE DEI TRIBUNALI TRASFORMATE IN SERIALTV

di Paolo Pillitteri

Ha destato molto scandalo (vedi Gad Lerner su La Stampa)l'utilizzo di Valeria Marini nel talk show di Vespa con Fini, Porta a Porta.La Tv cambia il pelo ma non il vizio: dapprima urlata e schierata ora diventa sempre più spettacolare e fuorviante, introduce star e starlet ad aiutare i politici. Il risultato non cambia: la Tv è sempre più fiction e la politica pure. Nei lontani anni 60, Ronald Reagan disse: "La politica è come un'industria dello spettacolo". L'affermazione si tradusse, un decennio dopo, nella frase "la politica spettacolo". Da allora la politica è diventata come uno spettacolo "industriale" con sue proprie leggi che, man mano che s'allarga, tende a perdere i contenuti della politica per assumere quelli dello spettacolo stesso. Ma poiché l'industria dello spettacolo deve obbligatoriamentepiacere alla gente, non può non basarsi su un qualcosa che si chiama "fiction" o, meglio artificio. Se ne deduce che le leggi fondamentali di questa nuova industria non riguardano la cosa in sé, l'uomo politico in sé, le sue idee, i suoi programmi, ma come tutto ciò appare e come tutto ciò può piacere. La Tv non ti chiede di essere onesto, ma di apparire tale, non ti chiede d...