Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

RITORNO AL FUTURO

di Stefano Carluccio

Il socialismo ha contribuito in modo decisivo a produrre, nell'Europa occidentale, il massimo di benessere, di libertÓ, di democrazia, di tolleranza, di sicurezza sociale, di uguaglianza mai raggiunto nella storia dell'umanitÓ. Questi risultati, che certo sono perfettibili, che costituiscono un punto non di arrivo, ma di partenza, sono stati ottenuti, prima e meglio, nelle grandi democrazie europee, dove pi¨ antica Ŕ la storia dello Stato unitario, dove la rivoluzione liberale inglese o quella francese hanno lasciato una impronta profonda e dove, non a caso, la civiltÓ industriale e il socialismo democratico si sono affermati prima. Ma si sono alfine faticosamente e lacunosamente conseguiti anche in Italia, per una sorta di "miracolo riformista": un "miracolo" perchÚ la forza del socialismo riformista, a differenza che in Gran Bretagna, in Francia, o in Germania, Ŕ sempre stata assolutamente insufficiente, schiacciata dagli opposti conservatorismi, quello tradizionale a destra e quello del massimalismo estremista a sinistra. Anche questo Ŕ il "miracolo italiano". Il partito socialista non nasce dall'alto, per una scelta burocratica o ideologica, ma dal basso, dallo spontaneo ...