Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

IL MOVIMENTO COOPERATIVO CULLA DEL RIFORMISMO

di Carlo Rizzacasa

Tra il 15 e il 17 giugno del 1947 a Reggio Emilia, nel corso del secondo Congresso postbellico della Lega nazionale delle cooperative, il Partito comunista porta a conclusione la conquista politica ed organizzativa della Lega, di quella, cioŔ, che era stata la pi¨ influente e popolare associazione di lavoratori per oltre mezzo secolo. La fine del lungo e fruttuoso periodo di esperienza riformista e l'assoggettamento di larghissima parte del movimento cooperativo alla politica ed alla strategia del Pci era stata preparata da Togliatti con queste parole: "Noi dobbiamo togliere di mano a questo vecchio riformismo maneggione i centri decisionali e non c'Ŕ dubbio che uno degli organismi pi¨ grandi ed importanti Ŕ la Lega delle Cooperative; siamo ormai alla vigilia del successo e ci vuole qualcuno che sia capace di prendere in mano questo aeropago". L'ostilitÓ ed il settarismo dei comunisti, nei confronti di tutta la grande tradizione riformistica della cooperazione, emerge prepotentemente dalla Relazione sull'attivitÓ del Pci dal 5░al 6░ Congresso laddove si rileva che "l'affermazione, nella Lega, di elementi riformisti (Dugoni, Canevari) si caratterizza per un'impostazione settaria,...