Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

NENNI E LA REPUBBLICA

di Mauro Baccianini

6giugno 1946: "LaRepubblica unisce la nazione in un patto di libertÓ e di giustizia sociale", titola l'Avanti!. Il referendum istituzionale pone termine alla monarchia sabauda che aveva capitolato di fronte al fascismo. E si era fatta complice del disastro della guerra. La redazione dell'Avanti!, in quello stesso giorno, con un titolo che passerÓ alla storia ("Grazie Nenni"), esprime il suo apprezzamento al segretario che "con la faticosa e sapiente lotta di due anni (...) ha saputo portare l'Italia a questo grande mutamento". In Nenni la redazione del giornale individuava "il maggiore responsabile della grande vittoria del referendum istituzionale". In una lettera di risposta indirizzata a Silone, Nenni indicava, nel corpo dei redattori del giornale, "i testimoni della piccola parte di merito che mi tocca nel successo odierno: quello di avere avuto la pazienza e la tenacia per non cedere mai sul problema repubblicano con una campagna che ha assunto sovente gli aspetti esteriori di una ossessione, ma che solo cosý il partito poteva condurre a termine". Al di lÓ della commozione del momento, sfrondata da ogni retorica, la battaglia socialista per la Costituente e la Repubb...