Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 1
 
 


1996,
Numero 1/2

"NAZIONALIZZARE"

di Giorgio Lauri

Il 27 novembre 1962 la Camera dei Deputati approva in via definitiva, con 371 voti contro 57, la nazionalizzazione dell'industria elettrica. "L'Enel Ŕ legge!" titola su nove colonne l'Avanti!del giorno successivo. L'editoriale reca per titolo "Una battaglia vinta" ed Ŕ siglato FG (Franco Gerardi, all'epoca vice direttore del quotidiano socialista). Vi si legge che, con la costituzione dell'Ente Nazionale per l'Energia Elettrica, "si attua l'ammodernamento dei principi ispiratori della politica dell'energia e si pongono le condizioni oggettive perchÚ questa politica sia concretamente saldata alla legge dell'interesse pubblico e non pi¨ a quella del profitto privato". "Con l'Enel scrive ancora Gerardi la Costituzione italiana trova attuazione in una delle sue espressioni pi¨ avanzate, quella appunto che prevede il passaggio allo Stato di imprese aventi carattere di pubblica utilitÓ. Non Ŕ senza una grande forza politica che si raggiungono queste mete; una forza che per costituirsi ha atteso in Italia il travaglio di lunghi anni ma che proprio in questa occasione ha mostrato le sue grandi possibilitÓ, le sue grandi capacitÓ di rinnovamento della societÓ italiana. Tenaci anima...