Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 3
 
 


1996,
Numero 3/4

UNO STATUTO PER I DIRITTI DEI LAVORATORI

di Antonio Giagni

Con il primo centrosinistra il socialista Brodolini, ministro del Lavoro, vara le riforme base per la tutela delle libertÓ sindacali contro l'opposizione del Pci. "La Costituzione entra in fabbrica"' Cosý titolava l'Avanti! di venerdý 15 maggio del 1970 annunciando che lo "Statuto dei lavoratori" era diventato legge dello Stato. Il giorno precedente, infatti, il provvedimento voluto da Giacomo Brodolini era stato definitivamente approvato dalla Camera con il voto favorevole dei partiti del centrosinistra e l'astensione dei comunisti e degli psiuppini. L'atteggiamento ambiguo e chiaramente elettoralistico del Pci era stato duramente stigmatizzato dai socialisti e dallo stesso ministro del Lavoro, il Dc Donat Cattin, il quale nella sua replica tenne a sottolineare come i comunisti "contraddittoriamente da un lato concordano sull'urgenza di approvare il provvedimento, e dall'altro sostengono la necessitÓ che si pervenga subito dopo all'emanazione di un provvedimento radicalmente diverso". C'erano voluti diciotto anni perchÚ quella che fu la prima idea di uno "statuto dei diritti dei lavoratori" si traducesse in una legge dello Stato. Il primo progetto, infatti, fu reso noto da...