Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 3
 
 


1996,
Numero 3/4

PER UNA COSTITUENTE GIUDIZIARIA

di Sergio Romano

Se il comitato di presidenza del Consiglio superiore della magistratura, convocato da Scalfaro al Quirinale, prendesse in esame soltanto l'ultimo bisticcio fra la Procura di Milano e quella di Roma, si occuperebbe dei sintomi e trascurerebbe il male. Il problema, anche se pochi nelle istituzioni sembrano ansiosi di affrontarlo, č molto piů grave. Gli episodi di cui siamo stati testimoni nelle scorse settimane l'arresto di un giudice, la ridda degli avvisi di garanzia, le dichiarazioni polemiche di alcuni procuratori, la pubblicazione di atti giudiziari sono soltanto gli ultimi segnali di una crisi che stasconvolgendo l'intero ordine giudiziario. Non ne siamo sconcertati e scandalizzati soltanto perché abbiamo lasciato, anno dopo anno, giorno dopo giorno, che i comportamenti eccezionali e deprecabili diventassero norma. Abbiamo permesso che i giudici e i procuratori creassero famiglie ideologiche e corporative, che le elezioni al Consiglio superiore della magistratura diventassero una indecorosa caccia di voti, che i magistrati avessero affiliazioni politiche e che alcuni di essi (l'ultimo episodio č dell'altro ieri) si proclamassero di "sinistra". Abbiamo permesso che le Procure...