Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 3
 
 


1996,
Numero 3/4

SCRIVONO I DETENUTI DI AGRIGENTO

di Critica Sociale

Idetenuti del carcere di Agrigento hanno scritto una lettera, spedita all'on. Turi Lombardo, ai rappresentanti dello Stato, della carta stampata e delle reti televisive, per denunciare le condizioni di vita nella casa circondariale in cui sono reclusi. La carcerazione Ŕ stata introdotta nella societÓ come istituzione portante, quale strumento di riabilitazione del soggetto appartenente alla collettivitÓ che abbia commesso degli errori. Non ha la funzione principale di punire ed esasperare il detenuto, che una volta scontata la pena, senza una costruttiva reintegrazione sociale, si ritroverÓ nelle medesime condizioni per sbagliare, seguendo l'amaro sentiero dell'emarginazione. "Ill.mo Onorevole, siamo i detenuti del nuovo complesso circondariale di Agrigento. Un complesso costruito nei minimi dettagli e particolari atti a soddisfare i bisogni di noi stessi e anche degli agenti di custodia. (...) Adesso le vorremmo spiegare come qua la nostra vita, se tale si pu˛ chiamare o meglio definire, sia assoggettata a delle regole anticostituzionali e verosimilmente indegne al rispetto della dignitÓ della persona, sia questa colpevole o innocente. Noi siamo detenuti accusati di associazione ...