Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 3
 
 


1996,
Numero 3/4

LETTERE ALLA CRITICA SOCIALE

di Critica Sociale

MAGISTRATURA SENZA AUTONOMIA La scomparsa o il ridimensionamento, per le ragioni note, di molte forze politiche tra cui il Partito Socialista Italiano, il successo di Forza Italia, la crescita in termini di seggi se non di suffragi della Lega, l'evoluzione democratica della destra con il passaggio ad Alleanza Nazionale, la vittoria del Polo della LibertÓ con la conseguente ascesa di Berlusconi alla guida del Governo, il ribaltone da parte della Lega che ha creato le condizioni per un Governo tecnico presieduto da Dini, con l'appoggio determinato di una nuova maggioranza sostenuta dai progressisti, il ruolo non sempre al di sopra delle parti del Presidente Scalfaro, ci offre un quadro confuso e preoccupante di quello che potrebbe ripetersi, con eventuali nuovi attori e personaggi, se non ci si renderÓ conto che, con le attuali regole sia elettorali che istituzionali, il nostro Paese non Ŕ pi¨ in grado di affrontare con la necessaria tempestivitÓ ed efficienza sia i problemi interni che quelli determinati dal contesto internazionale ed europeo nei quali il nostro Paese Ŕ costretto a confrontarsi. In questi ultimi anni, nonostante la crescita del prodotto internmo lordo, risultato di ...