Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

LA RADICOFANI DI D'ALEMA

di Stefano Carluccio

D'Alema distingue tra "Craxi politico" e "Craxi criminale" accusato e condannato dalla magistratura. Una distinzione che gli fa ritenere di potersi candidare all'ereditÓ della tradizione socialista sostituendo la Falce e Martello con la Rosa nel Pugno. Un'altra operazione di imbellettamento che sorvola con levitÓ sugli anni dell'aggressione comunista contro quella che oggi egli stesso ammette essere stata "l'intuizione della fine di una lunga stagione democratica del Paese" di cui il Psi di Craxi ha colto "meglio e prima di noi l'esigenza di una rottura". Allo stesso modo il segretario del Pds pu˛ cosý sorvolare sulla violenta opposizione del suo partito alla prospettiva di unitÓ dei socialisti indicata dal Psi di Craxi dopo il crollo del Muro di Berlino. Prospettiva che D'Alema ripropone ora con la comoditÓ offerta dal fatto che il Psi non c'Ŕ pi¨ e che Craxi Ŕ in esilio. Come tutti i parvenu, per˛ ha bisogno di chi dia un po' di lustro alla sua corte: sembra purtroppo che sarÓ Giuliano Amato (il Taillerandrosso) che si incaricherÓ di lucidargli i bottoni. Su questa strada, c'Ŕ da scommetterci, D'Alema non avrÓ mai i voti dei socialisti di cui ha bisogno. Anche per il suo ...