Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

PER UNA SINISTRA DI OPPOSIZIONE

di Critica Sociale

S'intravede il profilo di un regime che restringe spazi di libertÓ. L'attuale governo non pu˛ essere considerato espressione di un programma progressista. Pubblichiamo un contributo al dibattito in corso nell'attuale fase costituente del nuovo Partito socialista. 1 La societÓ e la democrazia italiana stanno attraversando un periodo di confusione, di instabilitÓ e di crisi. Di questo non si Ŕ visto l'eguale in nessuna democrazia occidentale, cosý come non vi sono simili precedenti nella storia della Repubblica. 2 Si Ŕ fatta strada in un modo traumatico, seminato di tragedie personali e familiari una "falsa rivoluzione". Essa non ha prodotto sino ad ora, nÚ un vero rinnovamento politico, nÚ nuove istituzioni, nÚ nuove regole, nÚ tantomeno una "Seconda Repubblica". Anche in questo campo la confusione dei linguaggi, dei progetti, dei propositi e degli obiettivi appare tutt'ora senza frontiere. 3 Si Ŕ assistito in questi anni e si assiste ancora oggi ad un uso violento del potere giudiziario e del potere dell'informazione. Entrambi si sono abbattuti su di un sistema politicopartitico che, pur con i suoi errori e le sue degenerazioni era in grado di presentare i grandi meriti stor...