Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

SENZA I SOCIALISTI SINISTRA ZOPPA

di Margherita Boniver

C'Ť voluto un po' ma alla fine lo hanno capito anche loro. Senza socialisti la sinistra Ť zoppa. I Del Turco, Spini o i Boselli rappresentano solo una piccola parte della diaspora e comunque troppo poco per legittimare una grande sinistra italiana. Era a tutti evidente che la metamorfosi del Pds, da comunisti a socialdemocratici, non si sarebbe mai conclusa fin tanto che i socialisti non facessero parte del disegno, soprattutto da quando si Ť scoperto che liquidare Craxi trasformandolo nell'uomo "nero" era stato facile ma tutt'altra cosa sbarazzarsi delle sue grandi intuizioni politiche, piý attuali che mai. Scomparsi i craxiani, per manifesta persecuzione, sono riaffiorati i craxisti. L'ideale per D'Alema sarebbe poter mettere nella galleria delle foto dei padri fondatori di un nuovo grande partito di tutta la sinistra, al fianco di Berlinguer, anche Bettino Craxi. Circostanza evidentemente improponibile. Proprio il Pds ha applaudito alla criminalizzazione di Craxi con maggior vigore. La soluzione doveva essere un'altra. Serviva l'immagine di un socialista molto vicino a Craxi, passato indenne attraverso il cataclisma di tangentopoli e che godesse nel palazzo di unanime riconosc...