Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

SEMPRE IN RITARDO

di Antonio Ghirelli

La repentina riscoperta del polo laicosocialista da parte prima di Massimo D'Alema, poi del suo predecessore ed oppositore Achille Occhetto, non nasce naturalmente da un improvviso slancio di affetto dei postconiunisti per i fratelli da cui si separarono nel lontanissimo 1922. Paradossalmente, solo all'indomani della conquista della maggioranza con la alleanza composita dell'Ulivo, i massimi dirigenti del Pds sono venuti realizzando l'amara sensazione di essere caduti (come accadde ai socialisti nel 1992) nella trappola democristiana. E non soltanto perchÚ tre delle pi¨ alte cariche istituzionali le presidenze della Repubblica, del Consiglio e del Senato sono andate a personalitÓ .cattoliche la cui camera politica affonda le radici nella palude dello scudo crociato. Quel che preoccupa di pi¨ D'Alema Ŕ, probabilmente, la tendenza serpeggiante tra le formazioni "moderate" di sinistra come di destra, dai Popolari a Dini; da Casini a Buttiglione, passando magari per Forza Italia, a puntare in prospettiva sulla resurrezione della Balena Bianca, sia pure sotto un'altra etichetta e magari con una struttura diversa da quella della vecchia De. In tal caso, il centro "moderato" divente...