Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

IN SICILIA RISORGE IL PARTITO SOCIALISTA

di Filippo Fiorino

Il Partito socialista, nelle elezioni politiche della primavera scorsa, ha raggiunto l'uno per cento dei consensi dei siciliani. Come dire il rinato Partito socialista ricomincia da uno. Dopo poco più di un mese raddoppia questa percentuale nelle elezioni regionali, 1,9 per cento, ottenendo oltre cinquantamila voti e tre deputati all'ARS. Come dire, il Partito socialista, in Sicilia, ricomincia da tre. Si consideri però che le liste socialiste erano presenti in sole cinque circoscrizioni su nove e che in queste ha raggiunto una percentuale media del 2,2 per cento. Non si è trattato di un voto nostalgico né di un voto velleitario. Esso rappresenta il nucleo di consenso e di rappresentanza che ci proietta verso la ricostruzione della grande area di tutti i socialisti siciliani, democratici e riformisti. Risorge, in Sicilia e dalla Sicilia, il Partito socialista in forma federale che guarda all'Italia, all'Europa e ai Paesi del Mediterraneo, con un proprio programma legato a due grandi questioni, la difesa e l'ammodernamento dello stato sociale e il problema del Mezzogiorno. La decima legislatura regionale siciliana ha davanti a sé, oltre a queste due grandi questioni, quella democrat...