Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

EGOISMO LEGHISTA

di Enzo Collio

Il cammino per il rinato Partito Socialista Ŕ tutto "in salita"; lo si Ŕ capito quando accogliendo .la sollecitazione di tanti militanti stanchi dell'isolamento, del tradimento di molti dirigenti alla ricerca di sistemazioni personali, della umiliazione di vedere la propria storia ridotta a cronaca nera dalla perversa criminalizzazione orchestrata contro il solo Partito Socialista, si Ŕ deciso di presentare il 'simbolo socialista alle elezioni per il Senato della Repubblica. A dire il vero la facilitÓ con cui, nel mese precedente al voto, si raccolsero le firme, necessarie per la presentazione delle liste nelle circoscrizioni regionali, indusse a ben sperare. Si riaffacciavano compagni da tempo disimpegnati, tornava l'entusiasmo tra i candidati, si riaprivano circoli e sedi di partito sopravvissute alla bufera e soprattutto si tornava a parlare di politica, a dire pubblicamente tutto quello che per anni si era sussurrato nel chiuso di gruppi ristretti. Il Partito, quello con il garofano, ma anche con il libro ed il sole nascente, simboli da sempre del socialismo riformista e democratico, tornava alla vita con una passione inaspettata; ma i problemi non tardarono ad emergere propr...