Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

PATRIOTTISMO

di Renzo De Felice

Pubblichiamo un articolo dal volume "Il rosso e il nero" in omaggioalla figura del grande storico recentemente scomparso: riflessioni purtroppo attuali. C'è un nesso fra i mali dell'Italia di oggi e la tragedia storica che si snoda fra il 1940 e il 1945? Come è successo che si sia smarrita l'idea di patria?Perché l'idea di nazione non ha più un corso politico nel nostro paese? Si può sostituire il Patriottismo della Nazione con il Patriottismo della Costituzione? C'è stato un Patriottismo della Resistenza? Cinquant'anni dopo, si può essere democratici senza essere antifascisti? Idee che vincono e idee che perdono. Nel conto delle idee che vincono e che perdono è l'idea di nazione che esce sconfitta. E' qualcosa di profondo che tocca il dna di un popolo, sfigura la sua autobiografia, trasforma il suo patrimonio genetico. Torniamo indietro di cinquant'anni: l'immagine feroce, ma efficiente, del tedesco occupante, fissata nella coscienza collettiva mondiale come uno stereotipo cinematografico, in Italia rimanda alla facilità con cui, dopo l'annunzio dell'armistizio, l'alleato tradito si trasformò in invasore senza incontrare nessuna resistenza. Fu la "morte della patria", come dic...