Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

CHI ROMPE NON PAGA MA I COCCI SONO SUOI

di Michele Coloru

╚un difetto grave della politica il divenire uno scontro senza limiti e senza regole, senza alcun principio e senz'altro fine che non quello di raggiungere la cosiddetta "stanza dei bottoni" a qualsiasi costo, con qualsiasi alleato e utilizzando qualsiasi strumento. Da questo punto di vista il quadro politico italiano Ŕ davvero emblematico, rappresenta con chiarezza invidiabile la degenerazione assoluta della politica. Infatti la cosiddetta rivoluzione italiana, ben lungi dall'essere portatrice di modelli sociali, quali che siano, si presenta al contrario come una saldatura di volontÓ di potere, vuoti di ogni valore vero. Da una parte una casta chiusa come quella della magistratura, dall'altra ad una forza politica, il Pds? che dopo la caduta del muro di Berlino, ha conservato intatta forma, modi e organizzazione del vecchio partito leninista, ma rinunciando al complesso e articolato impianto culturale e di valori che ne ha contraddistinto la storia e le origini. Entrambe queste forze si sono rese protagoniste della realizzazione di un disegno di normalizzazione sociale non solo autoritario e liberticida, ma anche molto pericoloso dal punto di vista delle garanzie sociali per le ...