Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

EUROPA: BOSSI FA SALTARE IL BANCO

di M. Bon.

Dopo anni di sottovalutazione e di ammiccamentisi apre la guerra alla Lega.I nostri ministri dopo avere permesso la crescitaleghista la combattono con strumenti di retroguardia. Al tavolo verde da troppo tempo si vedevano strane "combine" tra alcuni giocatori e il mazziere. Il mazziere, in seguito all'intervento di alcuni ispettori di sala, aveva allontanato come indesiderabili molti "abitué" (vecchie volpi sempre allerta non facili da "intortare"). Per rimpiazzare i vuoti, al tavolo venivano accettati nuovi giocatori, prediligendo sprovveduti da spennare o comparse per far numero. Qualcuno cominciava a chiedersi come fosse possibile che ad alcuni venissero servite solo scartine, mentre altri ricevevano sistematicamente carte vincenti e godevano di un credito illimitato. Tutto sembrava svolgersi come desiderato quando un miliardario inatteso decide di sedersi al tavolo, chiede carte e, come accade a volte ai neofiti, fa saltare il banco. Gli astanti superata l'ovvia sorpresa, tra ammiccamenti, sguardi d'intesa, alleanze e desistenze riprendono in mano le file del gioco. Il miliardario viene messo in condizione di non nuocere e c'è chi assicura che finirà per essere allontanat...