Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

NUOVI SCENARI MEDIORIENTALI

di Roberto Hassan

Incertezza e preoccupazione accompagnano l'elezione del nuovo premier dello Stato di Israele. Netanyahu Ŕ stato consacrato Primo Ministro d'Israele con meno del 51% dei voti (50,4%). La sua vittoria spaventa i suoi interlocutori del negoziato di pace in quanto il nuovo Premier ha costruito il suo successo sulla critica degli accordi di Oslo, ma al tempo stesso tutti sono curiosi di vedere come la destra israeliana farÓ seguito nei fatti all'impegno di proseguire sulla via del negoziato. Nonostante il suo rifiuto agli Accordi di Oslo, Netanyahu ha riconosciuto il dato di fatto e si dichiara favorevole a rispettare gli impegni internazionali d'Israele e disponibile a proseguire le trattative con l'Olp sulla via dell'autonomia palestinese purchÚ Israele mantenga per˛ il pieno controllo sulla propria difesa e sicurezza. Uzi Landau, uno dei consiglieri di Netanyahu, ha detto che Israele si impegnerÓ ad operare per approfondire i rapporti di pace con gli Stati arabi con cui giÓ intrattiene relazioni pacifiche, ma non rispetterÓ l'impegno preso da Peres e Rabin di ritirare le truppe da Hebron. Bill Clinton ha sostenuto di voler concedere la sua fiducia a Netanyahu in quanto tutto andrÓ av...