Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

L'ETERNA QUESTIONE DELL'ORGANIZZAZIONE

di Giulio Savelli

Nelle ultime settimane Ŕ diventata di urgente attualitÓ la "questione dell'organizzazione" di cui si discute da sempre in Forza Italia. Da molti e dallo stesso presidente sento dire della necessitÓ di "radicarsi sul territorio"; altri sottolineano di pi¨ il problema della creazione, a tutti i livelli, di veri e propri gruppi dirigenti che vadano a sostituire i funzionati necessariamente, in una prima fase, nominati dall'alto. Tutti sentiamo l'esigenza di far partecipare in qualche modo la base di Forza Italia all'elaborazione, motivandola cosý al lavoro politico. Berlusconi ha esplicitamente parlato della necessitÓ di far svolgere, all'inizio del prossimo anno, un congresso nazionale. Permettetemi di esporvi qui di seguito alcune riflessioni sulla questione, per discutere la quale l'associazione Riforme e LibertÓ, di cui sono presidente, vi rinnova l'invito a partecipare a un convegno che si terrÓ a Milano il 16 giugno prossimo. Sono certo che apprezzerete la franchezza con la quale proporr˛ il mio contributo, segnalandovi che quanto esposto, pur rappresentando convinzioni e principi generali, Ŕ anche il frutto della concreta esperienza di due anni di lavoro a contatto con la b...