Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

"MEDIA II", COS╠ LA CEE FAVORISCE LO SVILUPPO

di Critica Sociale

Si chiama Media II ed Ŕ il secondo programma europeo di sostegno dell'industria audiovisiva varato dalla ComunitÓ europea per il quinquen nio 1996/2000. Ottocento sono i miliardi stanziatiProprio in questi giorni sono scaduti i termini dei primi bandi i cui termini sono stati pubblicati sulla Gazzetta Ufficiale Cee di marzo. Si tratta di una prima tranche di 41 miliardi: 26 sono stati finalizzati allo sviluppo di imprese indipendenti, mentre 15 miliardi sono stati destinati alla formazione, in par ticolare a progetti presentati da organismi pubblici e privati (universitÓ, master, scuole di formazione) tesi a fornire competenze specifiche a giovani che inten dono impegnarsi nell'industria audiovisivaNon sono ancora stati pubblicati, invece, i bandi nuovi, quelli pi¨ attesi, destinati alla grande distri buzione, per importi pari a 530 miliardiI sostegni varati da Bruxelles si articolano in quattro capitoliC'Ŕ il sostegno finalizzato allo sviluppo e alla distri buzione di opere audiovisive europee. Quello rivolto alla distribuzione transnazionale ed alla messa in rete di distributori europei, e quello diretto all'edi zione e alla distribuzione video di film e programmi audiovisivi. In...