Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

LO SCENARIO IN EUROPA

di Critica Sociale

La produzione cinematografica all'interno del l'Unione Europea ha segnato il passo nel corso del 1994. La quota complessiva di film prodotti si Ŕ collocata al di sotto dei 500 titoli, lo scorso annoSi Ŕ trattato di un risultato che, di certo, ha determi nato un chiaro grido d'allarme da parte di tutti gli imprenditori europei del settore, in quanto riflette e sottolinea una situazione di forte e diffusa difficoltÓ all'interno dell'industria cinematografica del l'Unione, soprattutto per quanto concerne la circola zione dei capitali, la possibilitÓ di recuperare risorse finanziarie tanto dal sistema creditizio privato, quanto da quello pubblico, oltre che notevoli osta coli nella promozione e distribuzione dei film, sia a livello nazionale, che transnazionale. Complessiva mente all'interno dell'Unione Europa anche il livello delle coproduzioni cinematografiche Ŕ sensi bilmente sceso. Nel 1994, i film coprodotti sono stati 163, contro i 198 del 1993Si Ŕ trattato di ben 35 coproduzioni in meno. In que sta circostanza il calo deve essere quasi esclusiva mente attribuito alla Francia con ben 31 coprodu zioni in meno rispetto al 1993Sono inoltre diminuiti i film coprodotti dalla Spa gna, ...