Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 5
 
 


1996,
Numero 5/6

L'INTESA CINEMATV

di Critica Sociale

L'integrazione fra la televisione e la fase "a monte" della distribuzione cinematografica si colloca in un contesto in cui i "diritti di antenna" sono pari al 50% del totale dei ricavi delle imprese di distribuzione. Prevale generalmente la modalitÓ dei contratti "a gradino", con i quali l'ammontare dei diritti televisivi corrisposti dall'emittente varia in funzione degli incassi registrati nelle sale cinematografiche. Difatti per l'emittente televisiva il film ha un valore nel palinsesto in quanto Ŕ in grado di aumentare gli indici di ascolto, valorizzando cosý i relativi spazi pubblicitari. L'attrattivitÓ del film in Tv dipende in buona parte dal successo registrato in sala e dalla conseguente reputazione che ne Ŕ derivata. Di conseguenza, gli incassi delle sale, che mediamente incidono per circa il 3040% dei ricavi delle imprese di distribuzione, influenzano il residuo 6070% dato dalla televisione e dagli home video.La regolamentazione vigente, vietando la programmazione televisiva o in video del film prima di un periodo predefinito dalla proiezione in sala, accentua il ruolo chiave giocato dalla sala cinematografica. Secondo quanto dichiarato all'AutoritÓ dai rappresentan...