Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 7
 
 


1996,
Numero 7

AGLI ASPIRANTI SOCIALDEMOCRATICI RICORDO I GOVERNI CRAXI E AMATO

di Gianni De Michelis

Care compagne e cari compagni, comprenderete l'emozione con cui riprendo la parola di fronte a una platea socialista e credo che mi basterebbe solo già essere qui con voi in questo giorno per vedere coronata quella che è stata la mia aspirazione in questi anni, quella cioè di non considerare chiusa l'esperienza che ci ha visto assieme per tanti decenni. Credo che già solo con questo abbiamo raggiunto un risultato riunendoci qui questa mattina a Roma. Io credo che Ugo Intini abbia bene riassunto i sentimenti di tutti e le ragioni per le quali noi riteniamo di avere diritto a rivendicare la nostra esistenza, il nostro ruolo, il nostro spazio, a respingere ogni tentativo di sostituzione e di annessione. Io credo che già questo risultato con oggi sia raggiunto. Da oggi nessuno potrà più pensare, né il Pds né altri, di potere occupare abusivamente lo spazio che è nostro e solo nostro e di non fare i conti ancora per il futuro con la tradizione e l'esperienza socialista. Però, consentite a me che oggi faccio il tifo per voi per quelli di voi che in prima fila dovranno combattere e vincere questa battaglia, di dirvi questa mattina che questo non può bastare perché così come è vero che nes...