Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 7
 
 


1996,
Numero 7

RICOSTRUIRE NEL RISPETTO DELLA NOSTRA TRADIZIONE

di Vittorio Craxi

╚con grande emozione che prendo la parola a questa assemblea nazionale di socialisti italiani. Un evento di grande significato che era divenuta ormai una necessitÓ non pi¨ procrastinabile. Essa Ŕ sospinta da un motivo di orgoglio, da una ragione politica superiore, Ŕ il frutto di una volontÓ che rinasce per reagire e contrastare le pretese di annullare e di sopprimere definitivamente un movimento che Ŕ tanta parte della storia democratica del nostro Paese. Non ci nascondiamo le difficoltÓ, le esperienze sofferte in questi anni ce le indicano. E' stata fatta nei nostri confronti un'opera distruttiva. Siamo stati letteralmente cancellati ma non rimossi dalla vita politica italiana e tutto questo Ŕ stato fatto in nome di una supposta rivoluzione che discriminando ha colpito i partiti che avevano a lungo governato il Paese utilizzando la vulnerabilitÓ del sistema di finanziamento ai partiti e dalle attivitÓ politiche che conteneva delle illegalitÓ risapute e che si era trascinato con esse fenomeni di degenerazione. Ma a questo sistema avevano partecipato tutti, coloro che l'ammettono e coloro che continuano a mentire. Su questo aspetto della vita e della storia politica italiana non Ŕ ...