Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 7
 
 


1996,
Numero 7

RISTABILIRE LA VERIT└

di Margherita Boniver

Un affettuoso e fraterno saluto al popolo socialista. Care compagne e cari compagni, siamo qui per tenere aperta e viva la questione socialista che altrimenti rischia altre frantumazioni, rischia di scolorirsi sotto sigle improprie, di scomparire del tutto sulla scia di tentate annessioni. Questo rischio Ŕ il frutto di una grande debolezza che ci proviene dall'essere a stento sopravvissuti ad una delle vicende pi¨ oscure della recente storia italiana ancora tutta da chiarire. Mi riferisco alla cosiddetta epopea di Tangentopoli che ha inaugurato una vera e propria stagione di caccia aperta al socialista. La criminalizzazione in blocco dei socialisti e in particolar modo del suo segretario politico resterÓ una delle pagine pi¨ torbide e pi¨ infami di questi anni di storia repubblicana. E consentitemi compagni, visto che non Ŕ ancora stato fatto da questo podio, di rivolgere un saluto affettuoso e fraterno ad un uomo malato, ad un uomo che Ŕ stato costretto dalla giustizia politica in esilio condannato dalla cronaca come il pi¨ grande criminale del secolo, una persona che ha sempre lavorato per il suo Paese e per il suo Partito. Mi auguro che il compagno Craxi possa venire a curarsi i...