Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 7
 
 


1996,
Numero 7

I DUE TOTEM DELLA FALSA RIVOLUZIONE

di Luca Josi

Vi ringrazio per essere rimasti qui e per aver dato quindi coerenza alla voglia di un rinnovamento anche anagrafico di questo corso socialista che deve in qualche modo riprendere il volo. Volevo fare una premessa forse con un clima un po' diverso che è questa: chi subisce per così tanto tempo insulti, offese, e una discriminazione così ingiusta come quella che è toccata al Partito Socialista non può non rispondere ad una violenza così radicale con una denuncia altrettanto radicale. E allora sarebbe meglio chiarire. Che cosa intendeva dire Scalfaro nel 1992 quando confidava ad un ministro del nostro Partito che il Psi e il suo segretario erano al centro di un piano diabolico. Nessuno ha mai chiesto chi fosse questo diavolo che ha trasformato il Presidente della Repubblica nel garante della menzogna rivoluzionaria, nella più alta carica dell'ipocrisia nazionale perché, come si definisce infatti chi assiste immobile alla devastazione dell'intero Parlamento colpevole di ogni misfatto tranne che di averlo eletto. Poi, sarebbe bene domandarsi qual è la storia di questo ex perito, ex magistrato, ex pensionato che adesso fa il ministro, sostanzialmente analfabeta, così sicuro della sua mis...