Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 8
 
 


1996,
Numero 8

DOPPIO TURNO CON PRESIDENZIALISMO

di Damiano Potý

Una riflessione particolare va fatta in ordine al rapporto fra la Questione Socialista e le riforme elettorali ed istituzionali. Si registrano opinioni diverse sugli avvenimenti che hanno provocato la "scomparsa del Psi", ma nella stragrande maggioranza dei socialisti c'Ŕ la convinzione che una macchinazione, studiata ed attuata, c'Ŕ stata (uso violento e anomalo della Giustizia, dell'informazione, del maggioritario) e le conseguenze sono sotto gli occhi di tutti. I danni provocati ai socialisti organizzati hanno contemporaneamente prodotto disagi enormi agli italiani: meno libertÓ, meno giustizia, meno democrazia, rischio di rottura dell'unitÓ nazionale. Per evitare ulteriori degenerazioni e riprendere un percorso di riequilibrio (non la "normalizzazione" di D'Alema, che pu˛ avere significati equivoci), occorre riconsiderare i fatti accaduti, ripercorrere il cammino delle modifiche spesso strumentali o fittizie o insufficienti. Esprimemmo a suo tempo giudizio negativo sulla procedura referendaria per la riforma elettorale (che solo per errore o per dimenticanza non fu ancorata alla Costituzione e quindi non sottoponibile a Referendum). Ci opponemmo, senza successo, alla modifi...