Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 8
 
 


1996,
Numero 8

LA DUPLICE VITTORIA DEGLI SCONFITTI

di Giorgio Morales

Il socialismo sembra vincere anche tra i comunisti dopo che questi hanno contribuito a smantellarne la forza politica: un incrocio pericoloso per D'Alema. Iprossimi mesi saranno certamente segnati, tra l'altro, dalla "questione socialista". Dopo l'avvio del dibattito, un po' drogato dai media, c'è da augurarsi che la questione venga affrontata con più approfondimento e senza l'illusione di facili scorciatoie. Ci saranno del resto i congressi (Pds, SI, Partito socialista) a portare, si spera, maggior chiarezza e responsabilità democratica su un tema cruciale per il futuro della sinistra e del Paese. La questione socialista in Italia esiste (anche in Europa, ma in modo diverso) non perché l'ha posta D'Alema, ma perché essa non è risolta dal Pds ancorché faccia parte della Internazionale socialista. L'anomalia italiana il primo a rendersene conto è D'Alema è data dal fatto che un partito postcomunista dell'Europa occidentale rappresenta, quasi interamente, la sinistra. Gavino Angius scrive che "una forza politica organizzata" non può "essere definita come postqualche cosa, postcomunista, postdemocristiana, postfascista" e che queste definizioni non aiutano a comprendere "le p...