Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 8
 
 


1996,
Numero 8

LA CENTRALIT└ POLITICA DELL'ELETTORATO MARGINALE

di Antonino Di Trapani

╚ora il tempo di intraprendere, con decisione, la via della Ricostituzione del Partito Socialista. Questa scelta non pu˛, nÚ deve nascere dal groviglio di rimpianti e rancori, che c'Ŕ in ciascuno di noi. Essa deve nascere dalla consapevolezza di un dovere: offrire ad una vasta area di uomini e donne, oggi dispersi e confusi , che si ispirano ai valori della democrazia, della libertÓ della giustizia, della solidarietÓ e della paritÓ una forza socialista organizzata capace di rappresentarli sullo scenario della politica italiana. Spetta a noi, e non ad altri, costruire nel nostro Paese una forza che, nel solco della grande tradizione europea del socialismo democratico e liberale , sappia aprirsi alla confluenza di gruppi diversi per trovare sbocchi e soluzioni ai problemi di una realtÓ in continuo mutamento. Questa forza non pu˛ nascere dall'alto, in modo verticistico, magari come espressione di una esigenza tattica o di sterili aspirazioni personali. Essa deve trovare il suo radicamento nel corpo sociale del Paese, deve alimentarsi del contatto con la gente, deve arricchirsi dello scambio con una societÓ civile sempre pi¨ esigente, ma anche confusa e disorientata. Essa deve perci˛ ...