Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 8
 
 


1996,
Numero 8

IL CASO GAMBERALE

di Critica Sociale

Tutti innocenti. Vito Gamberale, Giulio Di Donato, Salvatore Arnese, i protagonisti di uno degli episodi giudiziali pi¨ eclatanti del l'era di Tangentopoli, dopo anni di umiliazioni (car cere compreso) sono stati infine riconosciuti non colpevoli delle accuse promosse contro di loro dalla procura di Napoli. Il "caso Gamberale" Ŕ stato un caso di rilievo nazionale utilizzato come clava poli ticogiudiziaria per abbattere la cosiddetta prima Repubblica e la sua classe dirigenteAlla lettura del verdetto il pm Avacone non com menta. E' imbarazzato: "SarÓ necessario leggere le motivazioni della sentenza?". Non aggiunge altroAl contrario Gamberale Ŕ soddisfatto: "E' una impor tante giornata per la giustizia dice . Offro questa sentenza alla mia famiglia, alle istituzioni, al Presi dente della Repubblica e, soprattutto, a quanti mi hanno sostenuto"Ci sono volute diciotto udienze per chiudere una partita durissima, una vicenda segnata da scivoloni investigativi e da veleni che partono tutti dall'inter cettazione di un colloquio telefonico tra Gamberale e Di Donato. Da allora la strada Ŕ stata tutta in salita per gli imputatiNoi, con questo piccolo pamphlet di Anonimo parte nopeo, int...