Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 8
 
 


1996,
Numero 8

LETTERE ALLA CRITICA SOCIALE

di Critica Sociale

OCCORRE ESSERE SAGGI Cari compagni, la questione socialista Ŕ, come era prevedibile, questione nazionale. Lo Ŕ per la sinistra e per l'assetto politico di due Poli provvisori nati pi¨ per convenienza che per convergenze programmatiche e politiche. I passi avanti fatti in questi mesi impongono, a mio parere, a tutti i socialisti di lavorare per la loro unitÓ; Ŕ la premessa per ogni altro ragionamento politico. Qualsiasi veto o pregiudiziale non farebbe altro che allontanare l'obiettivo di tornare ad essere soggetto politico autonomo nel terremotato scenario dell'infinita transizione. Franšois Mitterrand nel novembre del 1975 a Milano ci disse: "Il programma comune della sinistra francese potrÓ raccogliere il pieno successo perchÚ Ŕ stata conquistata prima l'identitÓ politica ed ideale del partito socialista salvaguardando l'autonomia e l'originalitÓ del proprio contributo al programma". Ecco da dove partire: "salvaguardando l'autonomia e l'originalitÓ" propria della storia dei socialisti italiani. La proposta per "l'unitÓ dei socialisti" di Boselli, la disponibilitÓ di Intini a "sedersi ad un tavolo comune", il desiderio di Spini di discutere della sinistra del 2000 non come...