Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Londra (16)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 9
 
 


1996,
Numero 9

PERCH╔ L'EUROPA NON CI VUOLE

di Critica Sociale

Sembra che i sacrifici chiesti agli italiani dal governo Prodi non siano sufficienti per entrare in Europa: la manovra economica contenuta nella legge Finanziaria appare agli occhi degli sfuggenti partners europei pi¨ come un escamotage per far quadrare la pubblica contabilitÓ, che una piattaforma per dare stabilitÓ all'economia nazionale in armonia con le altre economie del Vecchio Continente. Mai nessun governo come questo sostenuto dal Pds e da Rifondazione comunista Ŕ stato cosý "al rimorchio" dei grandi gruppi del capitalismo industriale e finanziario che dalla quadratura del cerchio dei conti pubblici attendono per sÚ solo i benefici della moneta unica. Come il biglietto per l'Europa, nell'ottica dei grandi capitali, debba essere pagato dal Paese lo si comprende bene se si tiene conto che il debito Ŕ anche redistribuzione sociale del reddito, Ŕ anche storia economica dello stato sociale e la sua cieca compressione, attraverso lo strumento fiscale, equivale a far pagare due volte l'assistenza, la previdenza e i servizi. L'Italia perderÓ l'appuntamento con Maastricht non perchÚ i ragionieri di Stato non riusciranno a far quadrare la contabilitÓ, ma perchÚ la crisi italiana Ŕ ...