Email:
Password:
Non sei ancora iscritto? clicca qui
Iscriviti alla Newsletter:
ABBONAMENTI e RINNOVI  Critica TV Cerca nel sito:
Links   Chi Siamo  
Critica Sociale (anno 2014)
Storia e documenti di trent'anni (1980-2013)
Le pubblicazioni e i dibattiti
Le radici della democrazia e la Critica di Turati



AMBIENTE (45)
CRITICA SOCIALE (52)
CULTURA POLITICA (372)
DEMOCRAZIA (395)
DIRITTI UMANI (116)
ECONOMIA (254)
ENERGIA (74)
GEOPOLITICA (402)
POLITICHE SOCIALI (77)
SICUREZZA (291)
STORIA (98)
TERRORISMO (62)


Afghanistan (66)
Ahmadinejad (56)
Al-qaeda (29)
America (56)
Berlusconi (56)
Blair (61)
Brown (83)
Bush (131)
Cameron (31)
Casa Bianca (20)
Cina (141)
Clinton (71)
Comunismo (18)
Craxi (34)
Cremlino (33)
Crisi (88)
Egitto (19)
Elezioni (26)
Euro (24)
Europa (242)
Fed (16)
Francia (58)
Frattini (16)
G8 (17)
Gas (19)
Gaza (30)
Gazprom (24)
Georgia (40)
Germania (36)
Gran Bretagna (47)
Guerra Fredda (23)
Hamas (56)
Hezbollah (38)
India (42)
Iran (166)
Iraq (52)
Israele (148)
Italia (110)
Labour (58)
Libano (37)
Libia (21)
Mccain (84)
Medio Oriente (82)
Mediterraneo (19)
Medvedev (49)
Merkel (35)
Miliband (24)
Mosca (31)
Napolitano (16)
Nato (61)
Netanyahu (26)
Nucleare (53)
Obama (240)
Occidente (60)
Olmert (18)
Onu (43)
Pace (20)
Pakistan (34)
Palestina (23)
Palestinesi (31)
Pci (22)
Pd (26)
Pdl (16)
Pechino (27)
Petrolio (35)
Psi (19)
Putin (109)
Recessione (32)
Repubblicano (16)
Rubriche (53)
Russia (179)
Sarkozy (130)
Sinistra (24)
Siria (49)
Socialismo (40)
Stati Uniti (189)
Stato (23)
Teheran (20)
Tory (22)
Tremonti (30)
Turati (24)
Turchia (30)
Ucraina (25)
Ue (81)
Unione Europea (37)
Usa (228)
Welfare (16)

   
Home Page  >>  Rivista >> Archivio >> 1996 >> Numero 9
 
 


1996,
Numero 9

L'ITALIA RITORNA AGLI ANNI SETTANTA

di Francesco Forte

Ci si può chiedere come sia possibile che la manovra varata da Prodi e Ciampi per "entrare in Europa" possa piacere, simultaneamente, ai "mercati" e a Bertinotti. La risposta, peraltro, è che in ogni caso non vi è contraddizione fra una politica che privilegi alcuni gruppi di lavoratori e pensionati che già sono molto protetti e, nello stesso tempo, consente a chi è titolare di debito pubblico o di lire italiane, di sentirsi più tranquillo di prima. Il problema è di sapere se tale politica, che giova a percettori di "rendita" nel settore del lavoro dipendente e dei pensionati e nel settore del debito pubblico e ai percettori di rendite nell'area dei tìtoli a reddito fisso, possa giovare alla crescita economica, all'occupazione, ai giovani, agli imprenditori, ai lavoratori autonomi, al Mezzogiorno, al ruolo dell'Italia a livello internazionale. E la risposta, qui, senza dubbio, è negativa. A questa manovra, che probabilmente, nonostante la mostruosità dei suoi dati (62 mila miliardi di aggiustamenti, sul lato delle entrate e delle spese, pari a 3% del Pii) non riuscirà a portare al 3% il deficit del settore statale e, ancor meno, quello del settore pubblico complessivo, bensì ...